Zuppa inglese INtortata dai lamponi: scandalosamente buona!

Quando preparo una torta e il risultato mi soddisfa come in questo caso, beh, allora la torta in questione merita di essere celebrata. Sua maestà, la torta zuppa inglese.

Il primo “scoglio”, sempre temutissimo, è stato il pan di spagna. Devo essere sincera, non è venuto altissimo, per quanto abbia passato più tempo a montare le uova che a fare tutto il resto, anche se poi sia il sapore che la consistenza erano buoni. Eppure…ogni volta mi pianto davanti al forno ad aspettare il miracolo. Il fatto è che c’è in giro un po’ quest’ansia da prestazione nei confronti del pan di spagna: tutta “colpa” dei cake designers che han bisogno di basi monumentali per altrettanto monumentali torte. Nulla di sbagliato in tutto ciò ma questo non deve implicare che un pan di spagna alto non più di 5 cm debba considerarsi “basso”.  Ricordiamoci che il gusto fa sempre la sua buona parte, oltre all’aspetto chiaramente importante (Me lo ricorderò la prossima volta?!)!

Per la preparazione ho utilizzato 5 uova, 150 gr di farina rigorosamente setacciata, 180 gr di zucchero. Niente lievito, naturalmente, null’altro. Chiaro è che volendo ci si può aggiungere l’aroma che si preferisce, un goccio di liquore o della scorza di agrume. 170° per 25′.

A seguire, operazione crema pasticcera. Ho trovato e provato più volte questa ricettina che mi piace tantissimo e che utilizzo sia per le torte che per i bignè: 3 tuorli, 500 gr di latte intero, 100 gr di zucchero, 40 gr di maizena, vanillina o scorza di limone. Utilizzando la maizena al posto della farina la crema risulta più liscia e leggera e mi pare anche che addensi più facilmente e senza rischi di grumi. Avendo bisogno anche di una parte di crema al cioccolato, a fine cottura ho aggiunto alla crema del cacao amaro in polvere. Volendo, per un risultato più cioccolatoso e intenso, potente in alternativa al cacao, utilizzare del cioccolato sciolto a bagnomaria. Io, avendo scelto per la copertura della torta una ganache al cioccolato fondente, ho preferito il cacao in polvere. Pronte le preparazioni di base ho tagliato in tre il pan di spagna e ho iniziato a bagnare generosamente con alchermes e acqua (a gusto potete aggiungere anche dello zucchero o utilizzare l’alchermes puro) il primo strato. Crema, pan di spagna, alchermes, crema e così via. Per la ganache ho fatto fondere in un pentolino 150 gr di cioccolato fondente in 125 ml di panna fresca. Si raffredda abbastanza rapidamente quindi non lasciatela lì a riposare troppo tempo. E adesso viene il bello. Ho posato la mia torta e relativa alzatina su dei fogli di giornale – per non impiastricciare irrimediabilmente la tovaglia – e ho iniziato a ricoprire il tutto con la ganache. Infine i lamponi: perfetti per dare un tocco di colore ma anche buonissimi accostati all’amaro del cioccolato che ben contrasta e si sposa con l’acidulo dolce del frutto.

La torta ha riposato in frigo quasi 24 ore prima di essere assaggiata (non immaginate la sofferenza!!), ma vi assicuro che ne è valsa la pena. Compatta, omogenea e gustosa! Un bel regalo di compleanno per i golosi..

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...